statistiche sito web

giardino roccioso 5 - Cortonalive

Vai ai contenuti

Menu principale:

giardino roccioso 5

Idee > Giardino roccioso

Come murare le pietre intorno ai camaciperi. Le pietre sono state prima disposte tutte sul prato per poterle scegliere con un colpo d'occhio nel modo migliore possibile. La malta deve essere formata di calce matura con aggiunta di cemento scuro. La calce matura si ottiene impastando la calce il giorno prima senza il cemento per poi impastarla di nuovo il giorno dopo al momento dell'uso aggiungendo la dose di cemento, ottenendo una malta molto adesiva e morbida. La malta va poi lasciata indurire per un pò e quando sta per completare la sua consistenza allora và lisciata con una spugna grande. Dopo un tempo ragionevole in cui la malta è ormai stabile si deve lavare la struttura perchè altrimenti le pietre rimarranno macchiate di cemento ed i loro intersitizi saranno occlusi dalla calce. Scegliere bene i tempi di lavorazione e non rimandare mai la lavorazione finale al giorno dopo!

Così si deve presentare la zona intorno al camacipero. Si vede bene lo strato di 5 cm di pozzolana, ovvero un terreno inerte che facilita il drenaggio e che ha permesso, all'inizio dei lavori, di calpestare la zona senza muovere lo strato di terra sottostante il quale avrebbe potuto mischiarsi con la malta usata per murare mattoni e pietre.

Finalmente è arrivato il momento di mettere le piantine! In questo giardino hanno trovato posto oltre 50 varietà botaniche! Fate molta attenzione a cosa piantare. Date la preferenza alle conifere nane ed andate alla ricerca degli effetti cromatici da abbinare. Vedrete poi che le piante nane non sono poi così nane; in condizioni ottimali hanno sempre una media altezza. Ricordatevi di usare sempre varietà nane. Se usate qualche piantina ricadente ricordatevi di metterla sul bordo delle aiuole, possibilmente sulla parte posteriore. Non riempite troppo le aiuole; il giardino và arredato lentamente; ad esempio, le conifere invernali andatele a scegliere in inverno. NON usate la torba per riempire le aiuole perchè quando essa si asciuga ha la consistenza di una pietra! Usare terreno nei sacchi comperati e non usate terreno del luogo perchè ha in sè molti semi di piante infestanti. Il terreno migliore è un compost di terra scelta mischiata con stallatico di vario tipo. Non abbiate timore a piantare piante grasse perchè questa struttura ha un drenaggio perfetto, però ricordatevi che lo spazio ristretto poi non vi permetterà di metterci le mani senza rischio. Limitate perciò l'uso di piante grasse ed evitate quelle con micro-spine. A piantagione avvenuta coprite lo strato di terra con la scorza di pino del tipo a grana fine; ricordatevi che lo strato di corteccia di pino ha effetto soltanto se è umida e quindi in queste aiuole ci sta veramente bene, sia esteticamente che funzionalmente.

In prima fila si nota la salvia nana; preferite e scegliete accuratamente la varietà a foglie larghe; la userete anche in cucina facendo le foglie impastellate e fritte, usate come aperitivo. Sulla destra c'è il cotoneaster ricadente all'esterno con le sue bacche rosse e con le foglie che cambiano colore dall'estate all'autunno, facile da potare e senza spine. Sullo sfondo c'è la pinacea Kosteriana, la regina delle conifere, la più preziosa e costosa perchè di colore blù; sceglietela sempre piccola e di varietà nana, così la pagherete relativamente poco e la vedrete crescere sotto i vostri occhi.

Le piantine sono piccole così si può seguire il loro sviluppo nella crescita, ricordare che le piantine nello stato iniziale sono le più resistenti al trapianto.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu